Quanto è lontana l'industria della bellezza dal raggiungere la "sostenibilità" con il supporto della tecnologia nera?

novembre 30, 2022
Invia la tua richiesta

Il 10 novembre, un video intitolato "La città costiera del Messico viene inghiottita, i residenti richiamano l'attenzione sui cambiamenti climatici" ha attirato l'attenzione su una città costiera di Tabasco, uno stato nel sud del Messico, che viene gradualmente inghiottita dall'acqua di mare.


La maggior parte dei residenti qui si guadagna da vivere pescando, ma l'innalzamento del livello del mare sta trasformando le case in cui vivono in un edificio di case pericolose, costringendo i residenti della città a lasciare le loro case e trovare un altro alloggio.


Il cambiamento climatico sta già provocando gravi danni in tutto il mondo, soprattutto nel 2022, quando sono frequenti disastri naturali come lo scioglimento dei ghiacciai, gli incendi boschivi e le disgregazioni dei fiumi, che lanciano l'"allarme" per la tutela dell'ambiente. Oggi, l'importanza della "sostenibilità" ecologica ha raggiunto un nuovo livello nel mondo.


Nell'industria cosmetica, la sostenibilità è sempre stata un argomento "banale". Negli ultimi anni, lo sviluppo sostenibile ha gradualmente influenzato la tendenza di sviluppo principale del settore da una direzione apparentemente "di nicchia".


L'attuazione dello sviluppo sostenibile: il divario tra l'ideale e la realtà

In quanto grande pista d'oro dei consumatori, il processo di produzione dei cosmetici comporta un complesso processo di filiera, spesso accompagnato da inquinamento ambientale.


I dati mostrano che l'industria cosmetica produce circa 120 miliardi di pezzi di imballaggi ogni anno, di cui solo il 9% dei rifiuti di plastica può essere riciclato; inoltre, le "sostanze chimiche permanenti" utilizzate nel processo di fabbricazione dei cosmetici (nota: note collettivamente come sostanze per- e polifluoroalchiliche (PFAS)) sono difficili da decomporre, il che le rende un problema per lo smaltimento dei rifiuti industriali. Inoltre, le "sostanze chimiche permanenti" utilizzate nella produzione di cosmetici (nota: note collettivamente come sostanze perfluorurate e polifluoroalchiliche (PFAS)) rappresentano un problema nello smaltimento dei rifiuti industriali a causa della difficoltà di decomposizione.


Di conseguenza, la sostenibilità è diventata un consenso nell'industria cosmetica e, con l'emergere di concetti come "pura bellezza", "vegano" e "cura della pelle naturale", le aziende cosmetiche stanno con l'emergere di concetti come "puro beauty", "vegan" e "natural skin care", le aziende cosmetiche stanno promuovendo l'integrazione dell'industria della bellezza con il concetto di sostenibilità.


Tuttavia, le aziende spesso affrontano un "divario tra l'ideale e la realtà" quando implementano strategie di sostenibilità. Tutti perseguono la sostenibilità, ma l'attuazione della sostenibilità è ancora limitata da molti vincoli.


In primo luogo, i cambiamenti nei modelli di consumo stanno guidando l'ideale dello sviluppo sostenibile.


Dall'idea centrale, lo "sviluppo sostenibile" sottolinea lo sviluppo coordinato di economia, società, popolazione, risorse, ambiente, scienza e tecnologia e sostiene un approccio "amico della natura" per raggiungere una crescita economica sostenibile. Nel processo di perseguire lo stato ideale di sviluppo sostenibile, anche la forma di consumo sta cambiando verso una direzione più verde e più sana.


Infatti, a partire dagli anni '60, c'è stato un boom del "consumismo verde" all'estero. L'educatrice americana Anna Lappe una volta ha suggerito: "Ogni acquisto che fai è un voto per il mondo che desideri". Questa famosa citazione porta il consumismo verde a un livello etico più elevato.


Il consumismo verde guidato dai consumatori, noto anche come "consumo sostenibile", è diventato la tendenza del giorno, guidando la scelta dei prodotti da parte dei consumatori. Secondo uno studio di Unilever, un terzo dei consumatori ora prende decisioni di acquisto basate sull'impatto sociale e ambientale dei marchi.


In secondo luogo, l'emergere del consumismo verde pone anche maggiori sfide per la progettazione e lo sviluppo del prodotto. R&D e i costi di produzione per materie prime sostenibili, imballaggi, ecc. sono stati anticipati.


Prendendo l'imballaggio come esempio, la maggior parte dei marchi utilizzerà ora carta riciclata biodegradabile, imballaggi in resina naturale o imballaggi sostitutivi delle porzioni, principalmente da aspetti sia materiali che strutturali per considerare la sostenibilità dell'imballaggio, oltre alla necessità di tenere conto anche del stabilità chimica del contenitore, proprietà fisiche, ecc.

Rispetto ai tradizionali imballaggi in plastica, i materiali di imballaggio che soddisfano gli standard di sostenibilità sono più costosi e le attuali tecnologie di produzione e carenze prestazionali esistono.


Per forme di imballaggio come "riciclaggio di bottiglie vuote" e "imballaggi sostitutivi", richiede anche molte risorse umane e materiali, il che rappresenta una spesa considerevole per i nuovi marchi. D'altra parte, utilizzare la sostenibilità per interagire più profondamente con i consumatori e per educare il mercato richiede molto tempo. (Per maggiori dettagli sulle sfide della sostenibilità, vedere il precedente articolo di Jumei, "Several Sustainable Emerging Brands Emerge in China, Is Sustainable Spring Coming?)


Inoltre, la pressione del consumismo verde sulle aziende ha portato a una serie di "prodotti negativi", come il tanto criticato comportamento di "greenwashing".


All'inizio del 2021, la Commissione europea ha pubblicato i risultati di un sondaggio sul "greenwashing", che ha esaminato una serie di questioni, tra cui l'uso del "greenwashing" nei cosmetici. All'inizio del 2021, la Commissione Europea ha diffuso i risultati di un'indagine sul "greenwashing", esaminando un totale di 344 casi sospetti di green claims in settori quali moda, cosmetica ed elettrodomestici.


Tra i tanti casi di "greenwashing" nell'industria cosmetica, il caso più tipico è quello di Hyosungin, che è stata criticata dai consumatori per aver utilizzato gusci di carta su bottiglie di plastica in nome della "tutela ambientale".


A maggio, anche il marchio di bellezza australiano Bondi Sands è stato citato in giudizio per aver falsamente pubblicizzato la sua crema solare come "amica dei coralli", secondo il Sydney Morning Herald. La protezione solare del marchio è risultata priva di oxybenzone e octinoxate, ma utilizzava altri ingredienti nocivi come avobenzone, salicilato alto, octinoxate e ocrelizina, ed è stata quindi ritenuta falsamente pubblicizzata.


Nel 2021, Toxin Free USA, un'organizzazione senza scopo di lucro, ha intentato una causa contro Covergirl COVERGIRL, sostenendo che l'azienda pubblicizzava falsamente che alcuni dei suoi cosmetici erano sicuri e rispettosi dell'ambiente, quando in realtà contenevano il cancerogeno PFAS, così come il bilancio di sostenibilità della società madre del marchio, Coty Group, che a loro avviso promuoveva falsamente iniziative ambientali e strategie di sicurezza.


Inoltre, anche alcuni grandi marchi internazionali sono stati contestati per "greenwashing". Ad esempio, nel dicembre 2021, Shiseido è stata accusata da gruppi di consumatori di pubblicizzare falsamente il suo marchio di cosmetici BareMinerals come "pulito, puro" e "privo di sostanze chimiche aggressive" quando in realtà contenevano PFAS.


I consumatori chiedono a Shiseido di condurre una campagna di informazione pubblica per informare i consumatori sui PFAS, divulgare completamente i PFAS e rimuovere i PFAS dai suoi prodotti, nonché chiedere danni monetari ai sensi di vari statuti dello Stato di New York incentrati sulla pubblicità ingannevole e sulla protezione dei consumatori.



Recentemente, L'Oreal è stata anche oggetto di reclami da parte dei consumatori per sospette affermazioni ecologiche false. "Elvive Full Restore 5 Shampoo Set" di L'Oreal, che afferma di utilizzare "bottiglie di plastica riciclata al 100%" sostenibili, è stato accusato da utenti stranieri di utilizzare tappi che non sono realizzati con materiali riciclabili.


Mentre il fenomeno del green bleaching è stato più volte bandito, l'industria si è gradualmente resa conto che come mettere in pratica il concetto è ancora un problema da risolvere.


AI, cattura del carbonio e altre tecnologie porteranno una brezza primaverile per la "sostenibilità"?

Gli ingredienti cosmetici sostenibili e le tecnologie innovative non solo sono più disponibili, ma soddisfano anche le aspettative dell'intero mercato. Sempre più marchi si stanno rendendo conto che la protezione dell'ambiente non è solo un "highlight di marketing", ma deve essere messa in atto.


Per fortuna, l'industria cosmetica sta entrando nell'era dell'Industria 4.0 guidata dalla tecnologia. Nuove tecnologie provenienti da aree come l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico (AI/ML), i dati e l'analisi, il cloud computing, la realtà aumentata e virtuale (AR/VR) e l'Internet of Things (IoT) stanno facendo progredire la tecnologia della bellezza.


L'Industria 4.0 sta portando tecnologie più intelligenti nel settore fornendo al contempo più direzioni di innovazione tecnologica per lo sviluppo sostenibile. Con le aziende multinazionali in testa, spesso hanno processi di approvvigionamento più integrati nella produzione dei loro prodotti, quindi il concetto di sostenibilità si estende a tutte le parti della catena di approvvigionamento e i marchi internazionali stanno iniettando innovazioni legate alla sostenibilità in tutti i processi, compresa la produzione , imballaggio e gestione dei rifiuti.

Chat
Now

Invia la tua richiesta